Top

Monte Barro

Gear

Boundary Supply Prima system Backpack
Sony Alpha 7 mark 2
sony 16-35 f4 zeiss

Uno dei posti migliori per godersi il tramonto sul lago di Lecco

Appena trasferito, frastornato da quelle montagne a picco sul lago. Aspettai il primo giorno libero dal lavoro per organizzare un’avanscoperta al monte più vicino.

Non sapevo nemmeno come si chiamava, sapevo solo che il sole tramontava dietro di esso. Sembrava altissimo, ma in realtà era solo vicino.

Monte Barro è poco più di una collina ( 922 mt ), esattamente come le colline umbre della mia infanzia. Forse per questo ne subivo il fascino.

EXPLORE

Raggiungere la cima non è assolutamente difficile.

Man mano che si sale il panorama si apre e il lago di Lecco sotto il Resegone sembra schiudersi davanti.

Monte Barro è una vetta solitaria. Dalla cima si hanno spunti fotografici a non venire. In realtà il panorama diventa sempre più bello man mano che si sale. Non per nulla ci fermammo diverso tempo a scattare la vista su i laghi gemelli di Annone. La mattina era stata piovosa e alcune nuvole si erano incastrate nelle montagne vicine e la luce si articolava dentro di loro.

Cloudy

Aspettammo che il tramonto colorasse il Resegone e iniziammo a scendere man mano che la luce abbandonava il monte.

Il Barro è anche pieno di storia, ma qui mi limiterò a raccontare quello che un anziano ci raccontò incrociando la nostra salita.

Di come da piccolo portava da bere prima al padre che lavorava i campi e poi ai fascisti appostati sulla cima . Di come vedeva mitragliare gli aerei che passavano senza che ne cadesse mai uno.

Shoot

E sembrava fosse di nuovo un bambino mentre lo raccontava e io come lui immaginavo gli aerei contro l’arancione del tramonto.

Il rumore degli spari imitato dal chiudersi dell’otturatore

Travel buddies: Francesco Perez, Nicola Giannini

21 foto prodotte
18 chilometri percorsi
9

post a comment